«

»

Mag12

CHARMING KARMA (ITA): una storia d’amore in LIS

Charming Karma rappresenta una storia d’amore verso sé stessi, è una presa di coscienza che sfocia nell’energia che ci permette di cambiare, reagire, rivoluzionare e creare. Il testo della canzone è un urlo contro chi cerca di soffocarci, il punto di vista è quello dello sfogo di chi non accetta più il “rumore” e la “confusione” che cercano di scalfire la nostra pace interiore, la nostra calma sacra. Per raccontare questo processo in maniera universale abbiamo voluto comunicarlo con la lingua più pura del mondo: la LIS, lingua dei segni.

Per questo ci sono venuti in soccorso Ilaria Galbusera e Alessio Convito, i due protagonisti, due attori non udenti che abbiamo avuto la fortuna di conoscere e che hanno saputo cogliere magistralmente le sfumature di questo messaggio.
La narrazione è incentrata sui due: il loro incontro, lo scontro e la loro forza, in un susseguirsi di scene “reali”, flashback e proiezioni. Abbiamo volutamente deciso di rigirare le scene principali con uno scambio di ruoli che spiazza lo spettatore, per sottolineare che non si tratta di una semplice storia in cui uno dei due prevale, ma di un concetto più ampio.
Entrambi i protagonisti rappresentano in momenti diversi sia una parte che la parte opposta, per portare l’idea stessa in primo piano e liberarla da un unico comodo, ma viziato, punto di vista.

A questo punto infatti non stiamo più raccontando una canzone o una musica ma stiamo comunicando un messaggio che vuole essere indirizzato a tutti, in maniera indistinta.
Questo video, inoltre, vuole essere un piccolo ma sentito contributo a sostegno del riconoscimento della LIS come lingua. Non molti sanno che in Italia purtroppo non viene riconosciuta a questa meravigliosa forma linguistica lo status che merita e che meritano le persone che la segnano.
I To You Mom: sostengono la lotta per il riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana
Charming Karma è il secondo singolo estratto da “We Are Lions”, album in uscita il 16 Marzo 2015 su Ghost Records.

Per la visualizzazione del video, clicca qui