Poesie e Aforismi sui Sordi

Mar30

Estratto dal libro autobiografico “Il silenzio è stato il mio primo compagno di giochi” di Roberto Wirth con C. Ruggeri.

“Un naufrago della vita. Mi sentivo così, già da bambino. Seduto per terra, nell’angolo più buoi del salotto, mi difendevo dalla solitudine che mi schiacciava, ragazzino costretto a vivere lontano dagli affetti e a dormire sul divano letto di un piccolo appartamento milanese. Solo con una tata, condannato senza colpe alla sofferenza. Perché ero nato …

Leggi tutto

Dic01

“Giorgia ed il mondo dei suoni meravigliosi” di Giancarlo Cardone.

Giorgia ed il mondo dei suoni meravigliosi è una fiaba scritta da un assistente alla comunicazione, Giancarlo Cardone, ove la protagonista è una splendida bambina sorda che deve affrontare, attraverso dei sentieri magici, dei percorsi tortuosi che richiedono il coraggio, il sapersi metter in gioco, il saper lottare per quello in cui crediamo, in compagnia …

Leggi tutto

Ago26

Estratto da “Il mio cammino verso la comunità sorda” di Dario Palazzo

Iniziai ad aprire la mia mente, anche grazie all’istruzione, a Padova i docenti tenevano le loro lezioni in LIS, anche le interrogazioni avvenivano in lingua dei segni; questo mi consentì di dimostrare finalmente, per la prima volta, quanto valessi. Riuscii a superare il mio ritardo nello studio, scoprii il mio interesse per materie di cui …

Leggi tutto

Nov11

Estratto da “Manuale di logopedia per bambini sordi. Con esemplificazioni di unità logopediche, esercitazioni ed itinerari metodologici” di Piera Massoni e Simonetta Maragna.

…Intorno ai 6 anni, con l’inizio dell’alfabetizzazione intesa come addestramento formale, il bambino accede alla lingua scritta mediante la scrittura e la lettura. In questo modo egli dà il via a quel processo di svincolamento del pensiero dal contesto che porta allo sviluppo delle abilità logico-formali, che caratterizzano la nostra cultura. Il linguaggio infatti diventa …

Leggi tutto

Set24

Estratto da “ANNUISCI E VAI AVANTI” di Alessandra Maria Merico

La sveglia materna mi tocca i piedi dandomi fastidio. <<Dai che oggi inizierai una nuova vita>>. Oddio, mi devo alzare, è tardissimo! Balzo giù dal letto, mi reco in cucina correndo. Finisco la colazione e vado nella stanza, fuggendo. …. Arrivati sul piazzale dello Scientifico, tanti ragazzi in attesa con i genitori a fianco. Sembriamo …

Leggi tutto

Set16

Estratto da “Il mondo delle cose senza nome” di Daniela Rossi

“Tu ci guardi dolcissimo, come sei sempre stato e come sei oggi. Il secondo incontro è con un medico che mi viene segnalato per l’approccio particolare a problemi sensoriali infantili. Ti prescrive infatti polvere di orecchie di suino e non sta scherzando. Il terzo appuntamento è con la mamma di una bimba sorda. Psicologa e …

Leggi tutto

Ago26

Estratto da “Il grido del gabbiano” di Emmanuelle Laborit

“Vedo Alfredo e Bill scambiarsi dei segni, vedo che mio padre comprende Bill, dato che Bill parla. Ma quei segni non significano nulla per me, sono sorprendenti, rapidi, complicati. Il codice semplicistico che ho inventato con mia madre è a base di mimica e di qualche articolazione. E’ la prima volta che assisto ad uno …

Leggi tutto

Set13

Poema manifesto: Normalizzare di Nirje

Trattasi di un poema-manifesto scritto da Nirje (1969), uno dei principali protagonisti del movimento della normalizzazione, in cui traccia le coordinate del doppio valore della normalità, intrinseco e strumentale.   “Normalizzazione significa …. un ritmo normale del giorno. Ti alzi dal letto al mattino, anche se hai una gravissima disabilità, ti vesti ed esci per …

Leggi tutto

Apr27

LETTERA AI BAMBINI di Gianni Rodari

È difficile fare le cose difficili: parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco. Bambini, imparate a fare le cose difficili: dare la mano al cieco, cantare per il sordo, liberare gli schiavi che si credono liberi. Gianni Rodari

Dic23

Estratto da Deux mains pour le dire di Jean & Zad Didier

Un assaggio del bellissimo racconto tratto da Deux mains pour le dire, di Jean & Zad Didier “Caro Jonathan, … Sai che sono arrivati dei nuovi vicini al secondo piano, nel tuo vecchio appartamento? Hanno una figlia che non è normale. Non parla e fa dei versi agitando le mani. Puoi immaginare! Ha cercato di …

Leggi tutto

Pagina 1 di 212